Del digitale terrestre e dintorni...

Il mercato televisivo in Italia? E' un non-mercato drogato dal canone Rai, da un monopolista che controlla il mercato pubblicitario e dall'estrema difficoltà di fare vera televisione, quella che, come accadeva in passato, permetteva di pensare e creare nuovi format, sperimentare nuove idee. Ora si compra la tv in scatola, come la carne simmenthal! Cosa cambierà tutto? La TV interattiva via web, perchè il collegamento dell'apparecchio televisivo al web consentirà di rendere chi guarda la Tv vero protagonista, non più passivo ed assuefatto recettore di comunicazione altrui, ma attore di una comunicazione nuova ed innovativa perchè bi-direzionale. Quale deficit dovrà pagare il nostro Paese rispetto agli altri? Il fatto di non avere una banda larga all'altezza. Come si potrà ovviare a ciò?

Come nacque la prima web tv radicale?

Care amiche, cari amici, care compagne, cari compagni, La prima web tv radicale nacque il 01 febbraio 2010 sulla base di una mia proposta, fatta al Seminario su internet e le nuove tecnologie, organizzato da Radicali Italiani nel gennaio del 2010; proposta che fu entusiasticamente accolta. A tal proposito, voglio ricordare, affinchè resti agli atti, le parole usate dall’ottimo direttore di www.radioradicale.it , Diego Galli, nei miei confronti, nella sua relazione sulla campagna internet per le regionali 2010: “La webtv è nata su idea, spinta, lavoro e investimento iniziale di Roberto Mancuso, che da anni la proponeva come strumento di comunicazione per l'area radicale”.

Il giuramento di Sergio: la storia di Sergio D'Elia.

Film documento con un'intervista inedita da me fatta a Sergio D'Elia, segretario di Nessuno Tocchi Caino e già esponente di Prima Linea. All'interno le immagini del Congresso del Partito Radicale del 1986 e del 1987 durante la campagna "O lo scegli, o lo sciogli". Ed ancora le immagini riprese a Torre Argentina, il giorno della straordinaria vittoria sulla Moratoria delle esecuzioni capitali. Un bel film, davvero. Ne consiglio la visione per intero.

Antonio Russo: fame di vita.

Antonio l'ho conosciuto nel 1999 a Monastier di Treviso, al suo ritorno dal Kosovo, in occasione dell'Assemblea per la libertà del lavoro e dell'impresa organizzata dai radicali per il lancio della campagna Emma for Europe. Eravamo seduti allo stesso tavolo nel ristorante e ricordo che parlammo di informazione e di giornalismo... ma ciò che allora m'impressionò più di tutto fu lo sguardo di Antonio, i suoi enormi occhioni azzurri, da me attraversati col pensiero al suo eroico lavoro in Kosovo e per le altre parti del mondo. Antonio, persona vera, ciao.

XX settembre 2010: dalla presa alla resa

Documentario prodotto da www.tvradicale.it e realizzato da Roberto Mancuso, sulla vera celebrazione del XX settembre 2010, 140° anniversario della Breccia di Porta Pia. La manifestazione, organizzata da Radicali Italiani, dall'Associazione radicale Certi Diritti, dall'associazione Luca Coscioni, da anticlericale.net e da molte altre associazioni di area laica, liberale e anticlericale, si è svolta il 19 settembre 2010 e si è articolata in un tour laico per i luoghi storici del Risorgimento italiano a Roma con un comizio finale nel luogo storico della Breccia di Porta Pia. Questo documentario è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5.

Un candidato e una campagna elettorale illegale.

L'articolo che segue fu scritto da un mio carissimo amico e compagno radicale di Francavilla Fontana (BR), e apparve su un quotidiano della provincia di Brindisi in occasione della campagna elettorale per le europee del 2009 alle quali fui candidato dalla Lista Bonino Pannella nella circoscrizione Italia Meridionale. Ringrazio Sergio, per la stima e la considerazione che mi ha dedicato con questo suo contributo davvero molto bello da leggere. Perciò: buona lettura! ;)

Pagine